Date :  February 14, 2018

Archaeological Museum of Florence - 21 February 2018 4:30 PM - The curators of the volume and the director of the Egyptian Museum of Turin, Christian Greco will be present

COMUNICATO STAMPA
Mercoledì 21 febbraio 2018 alle ore 16,30 presso il Museo Archeologico Nazionale di Firenze saranno presentati gli Atti dell’XI Congresso Internazionale degli Egittologi, tenutosi a Firenze dal 23 al 30 agosto 2015.

Il congresso doveva tenersi inizialmente in Egitto, ma i fatti politici intervenuti nel paese avevano costretto ad annullare il progetto e a cercare un’altra sede. Dopo una pausa di 6 anni dall’ultimo congresso, fra i candidati ad accogliere l’evento è stata scelta Firenze., che ospita, nel Museo Archeologico Nazionale, la seconda collezione egittologica italiana dopo quella del Museo Egizio di Torino.

La collezione di Firenze, formatasi soprattutto nel corso del XIX secolo, è costituita da circa 14700 reperti, con materiali che vanno dalla Preistoria fino all'Epoca Copta: si tratta di stele, statue, sarcofagi, ushabti, amuleti, bronzetti, tessuti copti e oggetti di vita quotidiana di varie epoche. La collezione è esposta con criteri cronologici in undici sale, per la maggior parte decorate in stile egittizzante risalente all’allestimento ottocentesco di Ernesto Schiaparelli.
Il congresso del 2015 si svolse inoltre in un anno particolare, l’anno della cultura egizia in Italia, che vide svolgersi numerosi eventi in tutto il paese legati alle maggiori collezioni egizie italiane e l’inaugurazione ad aprile del nuovo Museo Egizio di Torino.

Il Congresso venne organizzato dal Museo Egizio di Firenze, allora afferente alla Soprintendenza Archeologia della Toscana, dall’Università degli Studi di Firenze, dipartimento SAGAS, e da CAMNES (Center for Ancient Mediterranean and Near Eastern Studies). Vi parteciparono oltre 800 persone e furono presentati 368 interventi in sei sessioni parallele dal 24 al 29 agosto.

Gli argomenti trattati riguardarono l’antica civiltà egizia da tutti i possibili punti di vista: metodi archeologici e campagne di scavo, arte e architettura, l’eredità egizia oggi, conservazione e restauro, management, storia, storia dell’Egittologia, lingua, letteratura e testi, cultura materiale (ceramica e artigianato), Musei e collezioni, religione, società e regalità, più il workshop “e-Gyptology”, dedicato alle nuove tecnologie applicate all’Egittologia.

Il volume che si presenta è il risultato di quella intensa settimana di lavori con la pubblicazione di buona parte degli interventi; è dedicato alla memoria di due grandi padri dell’egittologia italiana, membri del Comitato Onorario del Congresso: Silvio Curto e Sergio Donadoni che ci hanno lasciato pochi mesi dopo il congresso nell’autunno del 2015.








 

Per maggiori informazioni sul volumehttps://camnes.it/pubblicazioni

Copyright © 2010-2020 CAMNES. All rights reserved  |  

Privacy Policy  |  

Cookie Policy